Adolescenti e Palestra

Ragazza sportiva un 97112

Un buon istruttore di fitnessdeve essere in grado di affrontare le esigenze di svariati tipi di clienti. Fra questi ci sono i preadolescenti e gli adolescenti. I giovani atleti che potrebbero frequentare le sale pesi dei centri fitness, hanno delle esigenze particolari, in quanto non sono ancora formati a livello psico-fisico. Sebbene il fitness e il potenziamento con sovraccarichi non sia sempre ben visto da medici e insegnanti di educazione fisica, se ben pianificato e attuato rappresenterà le fondamenta su cui costruire futuri atleti di svariate discipline. Gli allenamenti che si dovranno proporre ai fitness junior dovranno essere vari ed andare a stimolare il più possibile tute le capacità condizionali e coordinative. L'importanza di un allenamento multilaterale è fondamentale per evitare specializzazioni precoci che spesso si vedono attuare negli sport di squadra.

Per tutti questi motivi, in età colare appare particolarmente importante la pratica quotidiana del movimento, dai giochi ad altre attività, sia a scuola sia durante il tempo libero. Purtroppo i dati riferiti alla popolazione più giovane indicano una tendenza alla scarsa attività fisica. La sedentarietà aumenta notevolmente i rischi per la salute e questo avviene indipendentemente dal livello di attività fisica praticata. Sembra infatti che vi come poca o nessuna associazione tra attività fisica e comportamenti sedentari. I bambini che vivono nelle Regioni del Meridione sono meno attivi dei coetanei affinché vivono nelle Regioni del Nord e per quanto riguarda le differenze di genere, le femmine risultano meno attive dei maschi. Per mantenere uno ceto di buona salute e un aggravio nella norma bambini e ragazzi dovrebbero svolgere quotidianamente una quantità di attività fisica ben definita. In tal concetto, la letteratura scientifica mostra come gli interventi di maggiore successo, siano adatto quelli multicomponenti che agiscono contemporaneamente a livello individuale, ambientale, e relazionale , adattati al contesto culturale e assistenziale specifico, che utilizzano le strutture preesistenti come la scuola e i luoghi di aggregazione e socializzazione , e che coinvolgono i diversi interlocutori in un processo partecipato già nelle fasi di pianificazione e di realizzazione.

Ancora, praticare esercizi total body, ovvero affinché coinvolgono tutto il corpo in egual misura, favorisce una migliore mobilità muovere e impedisce di eseguire sempre i soliti movimenti, in modo da non stressare eccessivamente tendini, articolazioni e legamenti in via di formazione. Si cambiale di vere e proprie innovazioni nel campo del fitness, che hanno un grande potenziale e che potrebbero individuo sfruttate anche nelle scuole durante le ore di educazione fisica. Tra i 14 e i 16 annitenendo calcolo dello sviluppo individuale dei ragazzi, ci si trasferisce in sala pesi e cardiofitness. Ricordiamo che ragazzi e ragazze tendono ad annoiarsi prima e più velocemente degli adulti, e per questa ragione rendono meglio in allenamenti caratterizzati dalla variazione degli esercizi proposti, come i circuiti. Il bisogno dei ragazzi di apparire supera talvolta quello di essere, ed è dunque fondamentale affinché il trainer sia una figura di accompagnamento dei suoi giovani clienti verso la consapevolezza di cosa sia davvero il fitnesssenza imporre regole e dettami eccessivi che lo trasformino in antagonista o carabiniere. A queste doti, il buon istruttore deve ovviamente aggiungere qualifiche, competenza ed esperienza nel suo campoe i genitori fanno sempre bene ad assicurarsi che il centro fitness diletto per lo sport dei propri figli impieghi personale di questo genere. Per oggi è tutto!

Perché alcuni atleti sono molto motivati finché altri non lo sono? Cosa devo fare per motivare gli atleti a impegnarsi sempre al massimo delle esse abilità? La comprensione dei processi motivazionali implicati nella pratica sportiva è escludendo dubbio uno dei temi che suscita molto interesse tra gli psicologi dello sport. La Psicologia dello Sport studia come la partecipazione allo sport possa accrescere lo sviluppo personale ed il benessere di coloro che praticano le varie forme di attività fisica, come per piacere personale e sia a livello di élite in attività specifiche. Generalmente il bambino piccolo anni si avvicina a uno sport perché vuole giocare, entusiasmarsi, sperimentare il proprio massa e le abilità acquisite fino a quel momento. Non programma, non capriccio obiettivi troppo lontani e coglie esclusivamente le sollecitazioni del momento. Non risponde a richieste troppo lontane o ai sentimenti come il senso del compito o il gusto di imparare.