Come essere single e felici. Vademecum dei Single le 10 regole d’oro per vivere bene

Single per tutti lesigenza 316530

Seguici sui Social Network:. Francesco 45 anni - Tecnico programmatore - Capoluogo: Perugia. Ho sempre desiderato sin da molto giovane una famiglia. Poi pero' le situazioni capita che non vadano come si spera.

Si sente sempre parlare della singletudine come qualcosa di nefasto e terribile; le donne single vengono definite con il termine orrendo di zitella. Se invece, una volta per tutte, provassimo a considerare il non avere una individuo al proprio fianco non come una sfortuna, ma come una condizione di vera felicità? Negli ultimi tempi sembra che sempre più donne belle, intelligenti e attive socialmente apprezzino questo ceto, anche se definite emotivamente instabili, anticonformiste a tutti i costi, femministe all'aperto tempo e affamate di sesso: queste sono le donne single secondo la maggior parte delle persone. In realtà spesso si tratta di donne belle, felici, single e orgogliose di esserlo , che pensano di aver illeso guai. Altroché zitelle!! Eppure continuano ad essere oggetto di pregiudizi, di critiche e cattiverie. La verità è affinché ci sono molte donne senza compagni che non hanno affatto bisogno di un uomo per sentirsi realizzate e appagate.

Seguici sui Social Network:. Cerco un abbinato di vita. Amo la musica in generale, il teatro. Adoro passeggiare, sono un'ottima cuoca e mi piace danzare Rosa 51 anni - diplomata in cerca di occupazione - Capoluogo: Pescara. Rosa dolce, solare, simpatica amante delle passeggiate e del ballo,cerca uomo sincero,serio e realmente motivato per relazione duratura Sara 61 anni - insegnante in pensione - Capoluogo: Palermo. Sono Sara, sono vedova e non ho figli.

Di seguito il testo della lettera pubblicata su Roma Today. Mi presento: ho 39 anni, vivo a Roma bensм nativa della provincia di Frosinone. Attivitа come script supervisor e assistente allestimento nel mondo del Cinema. Poi arriva marzo La pandemia mi ha dono a Roma, appena rientrata da un lavoro a Bari, ho deciso di mettermi a casa già dal antecedente marzo quando si consigliava di abitare a casa e la sera del 10 marzo ho scelto di non scappare, sarei potuta tornare a Ferentino dai miei genitori, a soli 70 km da Roma, nella casa in cui sono nata e cresciuta, in piena campagna dispersa nella natura.